Open Days Innovazione 2019: co-progettare, partecipare ed innovare

Due giorni di incontri, discussioni, presentazioni e networking. Due giorni di idee per cercare di far incontrare innovatori, organizzazioni di cooperazione internazionale ed enti privati. Abbiamo iniziato parlando di innovazione non come un risultato o un prodotto ma come un processo partecipativo di cui l’utente finale è il protagonista. E così sono stati riportati esempi di innovazione come BRCK, che garantisce connettività in luoghi comunitari, come su 1000 autobus a Nairobi e 500 a Kigali, o in 1200 Wifi hotspots, oppure di imprese sociali nell’ambito dell’energia solare come la storia di M-KOPA . Ma spesso basta poco per innovare, come un paio di tablet connessi che permette ad un gruppo di donne masai di imparare a leggere e scrivere e trasmettere all’intera comunità quanto appreso.

O ancora come il progetto Click4All (https://www.click4all.com/en/ ) per costruire piccoli strumenti di supporto alla disabilità (come mouse o tastiere), utilizzati per esempio in un centro di riabilitazione su base comunitaria in Siria. E tanti altri ancora… E poi è arrivata la volta dei tavoli di co-design in tema di Educazione, Agricoltura e Salute. Gnucoop ha avuto il piacere di moderare il tavolo Health&Tech. Quattro storie di innovazione sanitaria hanno aperto il dibattito: 1. il software di raccolta dati del progetto iRHIS - Gnucoop; 2. la piattaforma Open Hospital - CUAMM/ISF; 3. la participatory data physicalization con l’Università di Bolzano; 4. i sistemi di mappatura che facilitano l’accesso a centri sanitari di riferimento di CCM.  Storie che hanno permesso di individuare gli ingredienti di successo e criticità dei progetti di innovazione come: partecipazione, formazione, raccolta ed umanizzazione dei dati ed, ancora, monitoraggio e replicabilità degli strumenti, etc… Un momento concreto di scambio ed incontro tra le tre comunità cardine degli open days innovazione: operatori umanitari, innovatori ed imprese. Il secondo giorno ci ha visto invece partecipare a diversi workshops: dai Big Data e tecniche di data visualization ad esperienze pratiche sulle Internet of Things, tecnologie hardware open che danno spazio alla creatività ed innovazione. E poi si è parlato di project management e strumenti agile, di Kanban e di Scrum, di effetto Panopticon, sprint planning, retrospettiva, stand up meetings e dei tre ruoli chiavi dell’agile methodology (product owner, scrum master e  team members). Strumenti di progettazione e pianificazione che meglio si adattano a progetti innovativi, permettendo di tenere sotto controllo il progetto ed, allo stesso tempo, garantendo l’efficienza dei team di lavoro e minimizzando i rischi.

Gli #ODI2019 sono stati anche l'occasione per lanciare tutte le offerte formative di #InnovazioneSviluppo. Fino al 20 Marzo sono aperte, tra le altre, le iscrizioni al primo ciclo del corso "From paper to tablet: all the steps you need to know" promosso da Gnucoop, CIAI e ChangeLab. Il corso vuole fornire le competenze per migliorare il processo di monitoraggio e valutazione dei progetti e delle organizzazioni, attraverso l’utilizzo di strumenti adeguati ed innovativi di raccolta, sistematizzazione e analisi di dati. Per partecipare clicca qui .

Grazie a Fondazione Cariplo e Compagnia di San Paolo che hanno organizzato questo evento!



   blockchain   datacollection   formazionesviluppo   ict4ag   ict4d   mhealth   odi2019   services-for-ngos

Get in touch!

Operational Headquarters

Milano
via Stefanardo da Vimercate 28
20128 ITALY
(+39) 3703309574
Pisa
Lungarno Mediceo 56
56127 ITALY
(+39) 3703173931
Email
info@gnucoop.com
This website uses cookies to improve your experience.   Accept  -  Read More